Indietro

A Predazzo la MARCIALONGA Cycling; SERENA GAZZINI cala il tris!

Se a Courmayeur si correva a 30°, a Predazzo in partenza erano 12, il cielo plumbeo, ma in 1600 erano pronti in griglia. Da elogiare gli Organizzatori che fanno della sicurezza uno dei fiori all'occhiello ed è bello correre così. Solita partenza a razzo fino al bivio per Aldino e poi si risale sul San Pietro, si sfiora Pietralba e poi Lavazè, dove oltre ai battiti si alza la temperatura corporea! Ed è proprio sul Lavazè che SERENA GAZZINI costruisce il suo successo; scollina prima donna, con soli 80 uomini davanti vincendo così il premio della cronoscalata; la fortissima Sonzogni a 2'. In discesa bisogna fare attenzione; ci sono tratti asciutti, ma l'insidia e nei curvoni umidi. I nostri tubolari Maxxis, gonfiati a 7,5, tengono a meraviglia e Serena non molla il suo gruppetto. Finale in leggero falsopiano ed entra a Predazzo solitaria, a braccia alte, con una lacrimuccia che solca il viso, felice per aver centrato l'obiettivo in una delle gare che più le piacciono e colta in Trentino, a casa; solo 53 uomini l'hanno preceduta. BRAVA! In gara c'erano dei nostri anche Debiasi sul medio e sul lungo, penalizzati da pioggia fredda i bravi Monti, Smarzaro e Giovanazzi, stremati, tremanti, ma contenti di aver finito.